Storia

  1. 1966
    ROBERTO DEMEGLIO NASCE A TORINO
    La famiglia Demeglio è nel business della gioielleria dal 1922. Nel 1966 danno il benvenuto al loro secondogenito, Roberto. Già dalla tenera età, Roberto capisce che da grande avrebbe fatto il restauratore o l’orafo.
  2. 1979
    STUDIA OREFICERIA A VALENZA
    All’età di 13 anni Roberto si trasferisce da Torino a Valenza, il quartier generale della gioielleria mondiale, per studiare e inseguire il suo sogno. A Valenza, va a scuola al mattino e trascorre il pomeriggio ad imparare l’arte orafa da mastri artigiani.
  3. 1984
    APRE IL SUO PRIMO LABORATORIO ORAFO A TORINO
    All’età di 18 anni Roberto si trasferisce di nuovo a Torino ed apre il suo primo laboratorio orafo.
  4. 1992
    INAUGURA IL PRIMO SHOWROOM
    Nel 1992 Roberto apre il suo primo showroom con il fratello maggiore Giuseppe. Insieme sono la squadra perfetta. È allora che Roberto inizia a creare gioielli appositamente per molti dirigenti FIAT. Grazie a queste visite in azienda, la sua creatività viene influenzata dal mondo automobilistico e dai suoi materiali. Roberto utilizza la tecnologia che impara per modernizzare i gioielli creati, e punta alla creazione di gioielli che possano essere indossati quotidianamente dai suoi clienti.
  5. 2002
    PUNTO DI SVOLTA - CAMBIO DI PROSPETTIVA
    L’improvvisa e tragica scomparsa dell’amato fratello Giuseppe mette fine alla loro collaborazione. Il lutto costringe Roberto a modificare drasticamente i suoi valori e le sue priorità. Grazia ad una nuova consapevolezza, Roberto trova l’ispirazione per creare nuove collezioni, che inizialmente vengono distribuire da altri brand.
  6. 2004
    GIOCONDA - PRIMA COLLEZIONE ELASTICA
    Quando diventa padre per la prima volta, Roberto celebra la nascita della figlia Giorgia con il lancio della sua prima collezione, Gioconda. La collezione Gioconda è un punto di svolta nel mondo della gioielleria, perché unisce l’oro 18kt, i diamanti e l’acciaio inossidabile. Roberto è il primo orafo a creare un bracciale tennis senza la chiusura, il primo gioiello per la donna moderna che è comodo e facile da indossare. Da allora Roberto capisce che può cambiare il modo in cui le persone comprano i gioielli e basa tutte le sue future creazioni sul meccanismo della molla elastica, che gli permette di liberarsi una volta per tutte dalle chiusure.
  7. 2005
    DOMINO - PRIMA COLLEZIONE IN CERAMICA
    Alla fine del 2005 Roberto festeggia la nascita del secondogenito, Giuseppe, lanciando la prima linea in ceramica high-tech, oro e diamanti, chiamata Domino. Questa collezione diventa immediatamente iconica e riconoscibile in tutto il mondo. Roberto inizia a costruire il suo brand, grazie anche alla vittoria di diversi premi internazionali.
  8. 2012
    APRE IL MERCATO AMERICANO
    Per celebrare la nascita della terza figlia, Gemma, nel 2012 Roberto trova un accordo con una famiglia newyorkese per iniziare la distribuzione del brand Roberto Demeglio sul mercato americano. Il successo è immediato.
  9. 2014
    In 2014 Roberto discovered that his company was badly managed by some of his partners. Because of this, he was on the verge of bankruptcy. He did not give up and fought against all odds to pay every single debt back. Thanks to his resilience and obstinacy he managed to catch the attention of a few Turin-bases entrepreneur who gave him a second chance. After drastic internal restructuring, the brand is launched world-wide. With an ongoing research of materials and engineering solutions, Roberto challenges himself with every new collection to break the limits of what was thought impossible. He does it by always being true to his motto:“If you can dream it, you can do it” -Walt Disney